lunedì 4 giugno 2007

Cefali e bolognese











Cefali e bolognese

Di sicuro un quindicenne cm me non ha ne’ le possibilità economiche, ne’ i mezzi per praticare tecniche di pesca impegnative come la traina o il surfcasting, quindi, in questi anni ho deciso di dedicarmi alla pesca con la bolognese e galleggiante fisso, con particolare predilezione per il cefalo, molto presente nei nostri mari ma altrettanto poco presente nel carniere del pescatore svogliato. Questa pesca può essere praticata correttamente avendo un minimo di esperienza e qualche piccolo accorgimento.

Le attrezzature. Come dicevo prima non c’ è bisogno di un patrimonio per essere all’altezza di praticare la pesca del cefalo. Dovremo disporre di un paio di bolognesi dai 5 agli 8 metri (magari con azioni differenti, per esempio 5 mt semiparabolica 7mt di punta); un mulinello di taglia 1000-1500 imbobinato con filo dello 0,16-0,18;un guadino di circa 3 metri e in sostituzione alla bitta 1 panchetto basilare (1 cassettino e poggiacanna). Come minuteria nella cassetta non dovranno mai mancare i galleggianti (dagli 0,75 ai 3-3,5 grammi di svariate forme), del fluorocarbon x terminali (da 0,08 a 0,14),torpille e pallini spaccati.

I luoghi. Gli ambienti in cui principalmente si può adescare il cefalo sono 2:il porto e la scogliera.Le esche. La più convenzionale di sicuro è il pane e formaggio ma non sono da meno il filetto di sarda fresca o addirittura il bigattino.

La preparazione dell’esca e del brumeggio(o pastura).Al contrario di come sembri la preparazione del pane e formaggio è una vera arte ed è determinante x il risultato della battuta, troppa acqua renderà la pasta troppo appiccicosa e difficile da innescare, troppa poca acqua renderà l’ impasto granuloso e quindi appena entrato in acqua si staccherà dall’ amo, l’impasto al tatto deve essere morbido e non appiccicoso in modo che in acqua si scioglierà gradualmente lasciando una scia odorosa attorno a se . Per una battuta di 3 o 4 ore sono sufficienti un paio di pacchetti di pancarrè (da 20 fette).Si procede levando dalle fette la parte marrone del pancarrè in modo che a noi rimanga solo il bianco, a questo punto le fette devono essere immerse x 2 o 3 secondi in acqua e subito strizzate poi a nostro piacimento verrà “condito” con 3 o 4 cucchiaiate di grana o pecorino oppure qualche goccia di olio di sarda o addirittura un po’ di aroma all’ aglio o aglio sminuzzato finissimo. Per il brumeggio invece utilizzeremo 1 o 2 buste di fondo bianco “allungate” con le scorze di pancarrè avanzate precedentemente, qualche testa di sarda e anche un po’ di sabbia x farla affondare meglio, la pastura al contrario del pane e formaggio deve essere di consistenza granulosa in modo che le palle leggermente pressate appena raggiungeranno il fondo si apriranno in modo da lasciare la famosa scia odorosa. La montatura. Per la montatura utilizzeremo un trave dello 0,15-0,14 o il filo diretto della bobina, il galleggiante ideale sarebbe quello a fuso ma anche 1 carota o 1 pera rovescia con mare calmo vanno benissimo ( dagli 0,75 a 2 grammi) invece con mare mosso 1 bel galleggiante rotondo (sempre con astina in carbonio e non quelli in sughero!) dai 2,5 a 3-4 grammi .Il terminale. C’è ne sono varie tipologie ad esempio la mazzetta a 3 o 4 ami, il paternoster a 2 braccioli semplici o il + sportivo amo singolo, gli ami da adoperare sono dal 12 al 16 a seconda della montatura( consiglio Gamakatzu tipo 721n,7505n,2210n,706n,142n) e del fluorocarbon dallo 0,08 allo 0,14 a seconda della torbidità dell’ acqua e dell’ inappetenza dei pesci.Condizioni climatiche. Cielo nuvoloso mare piatto e vento assente è il massimo che si possa desiderare x 1 pescata a cefali.L’azione di pesca. Se’ intendiamo pescare all’interno del porto opteremo x una bolognese di 5 o 6 metri ad azione semi parabolica o addirittura parabolica. Ancor prima di aprire la canna lanceremo 3 o 4 palle di pastura abbastanza grandi nella zona in cui desideriamo pescare, in modo che quando saremo pronti a pescare avremo già qualche esemplare a portata di canna. Procediamo sondando in modo da pescare con un amo appoggiato e l'altro a circa 5 cm dal fondo e pasturando regolarmente con palline di pastura non esageratamente grandi, giusto x intrattenere i pesci tra 1 innesco e l’altro. Gli esemplari più grossi sono anche i più sospettosi e quindi tarderanno 1 po’ prima di iniziare a mangiare. Quando ne avremo ferrato 1 bello grosso cercheremo di farlo stancare tenendo la canna bella alta in modo da farla lavorare correttamente e assecondare le testate del pesce e contemporaneamente lavoreremo di frizione dato l’esiguo diametro del filo e i piu bravi potranno divertirsi a pescare con frizione chiusa e antiritorno sbloccato , quando il cefalo inizierà ad aggallare possiamo procedere col guadino che precedentemente abbiamo aperto e appoggiato alla nostra sinistra o sulla gamba stessa, appoggiando solo la punta nell’ acqua e manovrando la canna in modo da far entrare il pesce in esso, se il pesce non ne vuole sapere di entrare e ritorna sott'acqua noi riprenderemo il combattimento frizionando al punto giusto e assecondando le testate senza mai cercare di forzare il pesce per accelerare il salpaggo perche’ le conseguenze saranno slamature o rotture di terminale, quindi quando il pesce abbastanza stanco riaffiorerà a galla sarà il momento di cercare di guadinarlo e di sicuro se si è agiti correttamente e con freddezza riusciremo a portare in banchina l’esemplare. Il cefalo essendo molto sospettoso sentendo una minima trazione potrebbe sputare il tutto quindi è di buona norma tarare bene il galleggiante prima di iniziare la pesca fino a far fuoriuscire solo l' astina ,per esempio se peschiamo con un galleggiante da 1,5 grammi procederemo mettendo sulla lenza solo una torpilla da 0,75-1 grammi poi con l’amo innescato finiremo di rifinire la lenza aggiungendo man mano pallini spaccati di misura decrescente. Per la pesca dalla scogliera le modalità sono simili , una montatura un po’ più piombata tipo 2,5-3 grammi e la bolognese dai 6 agli 8 metri ma di azione di punta per poter governare meglio il pesce tra scogli e scoglietti e magari adoperando la polpa di sarda fresca o addirittura il bigattino. Non è raro che al posto del cefalo si allamino salpe di notevoli dimensioni e soprattutto pescando dalla scogliera pesci come saraghi o mormore e in casi eccezionali spigole e orate!E’ da ricordare che i cefali sotto i trenta cm vanno liberati,purtroppo però questi “fuggitivi” potrebbero disturbare l’ azione di pesca facendo spaventare gli altri pesci quindi è consigliato utilizzare una nassa portapesci pre mantenere in vita il pescato e a fine battuta selezionare solo gli esemplari più grandi destinati alla tavola e lasciare liberi i più piccoli o sottotaglia in modo da seguire in pieno il credo del pescasportivo, è consigliato anche l’utilizzo di uno slamatore per non danneggiare i pesci catturati in modo che quando liberati possano continuare a vivere.

Un saluto Andrea



ecco dei cefali pescati da me con mazzetta del 12 e pane e formaggio






14 commenti:

Anonimo ha detto...

Ciao Andrea, volevo chiederti due cose:

- gli orari migliori per insidiare i cefali;

- cosa pensi riguardo le pastelle già pronte in barattolo, possono essere un'alternativa efficace al pastone fatto in casa?

Complimenti per l'articolo ;)

Andrea ha detto...

si spesso anche le pastelle già fatte
sono molto valide, sopratutto quelle al formaggio e alla sarda
cmq se vuoi aggiungisu msn il mi ocontatto cosi ti spiego meglio
pescadaterra@hotmail.it

Jacobano ha detto...

aggiungimi su MSN cmq complimenti da 1 tuo collega ke al massimo piglia le bobbe(boghe)e gli aghi seguiro i tuoi consigli x prendere prede migliori CIAOOOOO!!!!!

Anonimo ha detto...

Ciao. Complimneti ottima guida. Ti chiederei se possibile solo due cose, se potresti spiegare più nel dettaglio come eseguire la montatura con più ami e come fare in modo che la pastura si sciolga per bene(sai a me rimangono sempre le palle li sul fondo intatte! non ho mai capito perhè).

Anonimo ha detto...

ciao andrea anke io sono un giovane pescatore kome te e ti dico ke tu sei un'ottimo pescatore io pratico solo la pesca al cafalo ,qualche volta al surf casting,solo ke per la bolognese uso un paternoster dello 0,10 e un amo del 16 gambo lungo e devo dirti ke ho avuto parecchi risultati..........complimenti........in bocca al cafalo....:-)

Andrea ha detto...

mi fa molto piacere che qualcuno utilizzi i miei consigli vorrei avere un po + di tempo per postare qualche articolo e qualche tecnica nuova ma tra scuola e palestra
se mi metto a scrivere poi non ho il tempo di pescare !!! XD
ciao!

Anonimo ha detto...

Ciao Andrea ti faccio i complimenti per la guida. Io sono un piccolo pescatore e volevo chiederti 2 cose:
1che potenza deve essere la canna per la pesca dal molo ?
2dal molo bisogna lanciare ?

Antonio ha detto...

Bravo, continua così
Antoniohttp://pescantonio.blogspot.com/

Anonimo ha detto...

we 6 bravissimo aggiungimi su msn!!!! il mio cont è oceanico95@live.it

Anonimo ha detto...

bravo!!!ora ti agg su msn!accettami!!grz!

ciaoooooo

Anonimo ha detto...

complimenti per gli articoli ! comunque prova a pescare gli stessi cefali con una canna da punta ....scoprirai che e' molto piu' emozionante e divertente , anche se te ne potra' scappare qualcuno ! ma il divertimento e' assicurato !! ciaoo

gattonero345 ha detto...

ma per pastura io o trovato da dacatlon delle "compresse"dipastura a
base di cereali e crusca.perte vannobene????

Anonimo ha detto...

905 of this cream's customers have claimed to have knowledgeable positive cellulite reduction.

Also visit my web-site :: http://Www.prnewswire.com/news-releases/trilastin-review-and-latest-coupon-code-savings-released-at-awesomealldaycom-190256601.html

Anonimo ha detto...

The belt uses gel pads postioned over the center abdominals and the outside obliques.


my blog ... Flex Belt coupons